Tagliatelle di Tumminìa gr.500

MOLINI DEL PONTE

Nuovo prodotto

Tagliatelle di Tumminìa gr.500 Expand

Pasta di semola integrale di grano duro biologico varietà Tumminìa, raccolto nella regione Sicilia e molito a pietra naturale. Formato da 500 gr.

Maggiori dettagli

Disponibile

4,99 €

tasse incl.

Nessun punto Fedeltà per questo prodotto

Pasta trafilata al bronzo, ad essiccazione lenta , grani privi di microtossine,farine esenti da enzimi aggiunti, coloranti e conservanti.

La tumminia è una varietà di grano siciliano molto antico, ormai coltivato solo il pochi ettari di Sicilia, grazie alla tenacia di pochissimi  produttori locali. Questo grano è impiegato per produrre un particolare pane che prende il nome della zona di produzione “Il pane nero di Castelvetrano”.

“ Dalla macinazione a pietra si ottiene una farina a granulometria irregolare, ricca di crusca e con la totale conservazione del germe. Proprio nel germe è contenuta la parte più nobile e saporita del seme. Quando si macinano cereali di elevata qualità, dai profumi autentici, questo tipo di macinazione è l’unico che riesce a conservare pienamente il patrimonio organolettico posseduto da questi frumenti. La molitura a pietra, lavorando a basso regime di giri, non surriscalda il prodotto durante la rottura, e regala un prodotto finale di altissimo pregio.

Tra i grani duri da noi moliti a pietra vi sono la Tumminia, il Russello, il Biancolilla, il Perciasacchi ed il Bidì. Tutti grani molto versatili."

Busiate di Tumminìa con Pesto alle Mandorle 

Ingredienti per  4 persone

400 g di Busiate trapanesi di grano tumminia (o Tagliatelle di Tumminìa)
2 grossi spicchi d’aglio
10 pomodorini di Pachino
100 g  di Mandorle di Noto 
30 g di Capperi di Salina
4 -5 foglie di basilico fresco
peperoncino rosso fresco (facoltativo)
olio extravergine d'oliva  abbondante

Per decorare :pan grattato fine tostato - foglie di basilico 

In una padella antiaderente tostare le mandorle, per un paio di minuti , controllando che non si brucino . Lasciatele raffreddare. Lavare sotto l’acqua corrente i capperi per eliminare il sale.

Versare capperi e mandorle insieme a  tutti gli altri ingredienti nel boccale del frullatore o minipimer o ancora meglio  nel mortaio.  Amalgamare il tutto fino ad ottenere una crema della consistenza desiderata versando olio quanto basta a renderla cremosa .

Cuocere le Busìate in abbondante acqua salata ( limitate il sale poichè il pesto è molto saporito) scolatela al dente e conditela con il pesto allungato con un mestolo di acqua di cottura della pasta.

Spolverate con pangrattato leggermente tostato e foglie di basilico fresche intere.

Peso500 gr
PackagingBusta trasparente

Scrivi un commento

Tagliatelle di Tumminìa gr.500

Tagliatelle di Tumminìa gr.500

Pasta di semola integrale di grano duro biologico varietà Tumminìa, raccolto nella regione Sicilia e molito a pietra naturale. Formato da 500 gr.

Il valore nutritivo del grano raggiunge la sua massima espressione nelle farine integrali per la presenza del germe del grano che la molitura a pietra lascia intatto. Dalla varietà dei grani che noi lavoriamo si ottengono le “Farine del Palmento”, così vengono denominate le nostre farine ottenute dai grani antichi siciliani moliti a pietra naturale quali, oltre alla farina e semola di tumminia, le varietà russello, perciasacchi, bidì, biancolilla, maiorca ed altri grani antichi ciascuno con le proprie qualità specifiche, con propri profumi e sapori.


Tra tutti i grani antichi cito la tumminia, così mi piace chiamare la timilia, perché ha segnato l’inizio del mio percorso di ricerca dei grani antichi autoctoni. È detta anche grano marzuolo perché seminato a marzo, infatti è un grano a semina tardiva ed a ciclo di vegetazione breve, dal colore scuro, accentuato dalla molitura a pietra naturale e dall’aroma dolce e intenso. Proprio per questo caratteristico aroma la farina di tumminia nella tradizione di Castelvetrano è stata utilizzata per il pane nero. Cosicché la produzione della farina di tumminia ha contraddistinto da sempre la Molini del Ponte che ha rifornito gli storici forni che per tradizione producevano il pane nero che i castelvetranesi usavano comprare soprattutto la domenica o nei giorni di festa. La tradizione, mai interrotta, oggi continua ed il pane nero di Castelvetrano, divenuto presidio Slow Food, è stato presentato da Molini del Ponte per la prima volta, al Salone del Gusto di Torino come pane nero biologico ottenuto grazie all’impiego esclusivo delle nostre farine certificate bio.


ll percorso con la tumminia è proseguito con la produzione della pasta di tumminia in purezza nel formato più conosciuto le busiate, tipiche della provincia di Trapani. Nei mesi successivi l'Azienda introduce le busiate con le altre varietà di grano antico siciliano; sono nate così le busiate di perciasacchi, di biancolilla, di bidì, di ruscello. Al formato busiate oggi si accompagnano i formati tagliatelle, caserecce, fusilli. Quindi di ogni grano antico abbiamo il suo corrispondente in paste nei differenti formati. Da allora ad oggi le paste hanno fatto moltissima strada: oggi sono presenti in tutta Italia, dove il primo distributore è stata la nota azienda di biologico Ecor Natura che ha scelto oltre le paste anche le nostre farine quali prodotti autenticamente rappresentativi del nostro territorio.

Accept Site use cookies